Agenzia per lo sviluppo del territorio imerese

Centri Commerciali Naturali

GRADUATORIE INTERVENTI FINANZIATI

*-*

I Centri Commerciali Naturali, riconosciuti dalla Regione Siciliana e dall’ Amministrazione Comunale competente, hanno lo scopo di:

– coordinare l’attività delle imprese consorziate in unico sistema,

– creare un sistema per promuovere il commercio di vicinato e per trovare nuove strade per concorrere con la grande distribuzione,

– favorire e incrementare lo sviluppo economico commerciale e turistico della città a rete Madonie-Termini.

Nella città a Rete Madonie-Termini sono presenti (al 1 marzo 2012) ben 11 Centri commerciali naturali (detti CCN) riconosciuti con altrettanti decreti assessoriali. Di questi, 8 fanno capo al territorio madonita e 3 a quello Imerese.
*
PERCHÉ ADERIRE AL CCN:
*
·         Un’aggregazione di imprese come i CCN madoniti-imeresi ha una forza economica assai maggiore rispetto ad un singolo esercizio commerciale per promuoversi e rendere più visibile ai clienti il valore aggiunto che possono offrire gli esercizi di vicinato rispetto alla grande distribuzione.
·         Per ogni iniziativa organizzata dal Centro Commerciale Naturale, l’obiettivo principale è quello di incentivare l’affluenza di clienti o potenziali clienti negli esercizi consorziati, attraverso la loro promozione che viene realizzata attraverso emittenti televisive, radiofoniche, stampa e materiale cartaceo.
·         Ogni socio ha la sua visibilità attraverso una propria pagina promozionale e personalizzabile all’interno del sito Internet, materiale cartaceo pubblicitario (depliant e volantini) e cartelli promozionali (il tutto in via di realizzazione).
·         Attraverso il Consorzio gli associati rientrano nelle iniziative promozionali generali della città a rete Madonie-Termini.
*
Imera Sviluppo e SoSviMa hanno fornito a tutti i consorziati residenti nella città a rete la consulenza gratuita per la formulazione di progetti di sviluppo comuni, i cui contenuti verranno diramati dopo la presentazione sui fondi regionali.
*

FacebookGoogle+LinkedInBlogger PostGoogle GmailDiggInstapaperOknotizieWordPressCondividi