Agenzia per lo sviluppo del territorio imerese

A confronto su Himera. Sindaco Burrafato: “Nessun pregiudizio sul futuro”

Ricaduta economica trasversale a più settori, sei progetti nell’ambito del Distretto Turistico di Cefalù e dei Parchi delle Madonie e di Himera per 1,4 milioni di euro, un nuovo attrattore che si chiama Parco Termale Imerese. Sono alcuni degli elementi emersi durante la tavola rotonda tenutasi nei giorni scorsi presso la Pinacoteca del Museo Civico “Baldassare Romano” di Termini Imerese, promossa da RodoArte e con il patrocinio del Comune di Termini Imerese.

All’iniziativa, rientrata nell’ambito degli eventi della Settimana dell’Unesco, hanno partecipato il Sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato, l’Assessore alla Cultura, Noemi Virzì, il presidente di RodoArte, Rosario Ribbene, oltre ad Angelo Cascino, presidente di Imera Sviluppo 2010, Rodo Santoro, architetto e saggista, Roberto Tedesco, funzionario del Comune di Termini Imerese e cultore della storia di Himera.

Nell’ambito del suo intervento, il Presidente Cascino ha illustrato il possibile impatto economico conseguente ad un rilancio di Himera quale attrattore nel territorio di area vasta Madonie-Termini e nell’ambito del più complessivo sistema naturalistico, storico ed archeologico, che comprende ovviamente anche il Parco delle Madonie. In questa direzione, sono stati presentati progetti da parte del Distretto Turistico per 1,4 milioni di euro circa, che in termini di ricadute per il territorio potrebbero far aumentare di 40mila le presenze turistiche annue e avrebbero una ricaduta complessiva di circa 7 milioni di euro; di tale somma, il 14% sarebbe destinata alla fruizione di beni di grande interesse storico-culturale, quali, appunto Himera.

A contribuire a questo rilancio, che passa certamente per azioni condivise fra enti pubblici e operatori turistici privati (ricettivi ed extra-ricettivi), ci stanno anche le iniziative progettuale legate al Parco Termale Imerese, come nuova “visione” del centro storico fra la parte alta e bassa della città, a partire dalla grande risorsa che possono costituire le Terme.

Il Presidente Cascino ha inoltre annunciato il lancio di una pubblicazione volta a promuovere ulteriormente il comprensorio imerese e ha precisato che la Regione Siciliana ha appena esitato la proposta di legge volta ad istituire il Distretto Produttivo del Benessere Termale, che rientra fra le iniziative volte a promuovere la rete dei Comuni termali sul territorio regionale ed il prodotto “Sicilia” nel senso più largo del termine, oltre a rilanciare la costituzione di una filiera produttiva attorno alle risorse termali.

“Non abbiamo alcun pregiudizio su un eventuale futuro diverso per Termini Imerese. ha esordito Totò Burrafato nel suo intervento inaugurale – Sappiamo che la sfida per il futuro della nostra città è complessa e richiede la massima condivisione da parte della comunità locale, sia verso un rilancio dell’industria in chiave eco-sostenibile, sia verso qualsiasi eventuale prospettiva di sviluppo”.

*

RISORSE


FacebookGoogle+LinkedInBlogger PostGoogle GmailDiggInstapaperOknotizieWordPressCondividi