Agenzia per lo sviluppo del territorio imerese

Partecipare per ridisegnare il futuro: venerdì 24 seminari e gruppi di lavoro

Si terrà venerdì 24 febbraio 2012 presso la Pinacoteca del Museo Civico B. Romano alle ore 16.00 il seminario “Partecipare per ridisegnare il futuro. Confronto aperto a Termini Imerese”, organizzato dall’Istituto di Formazione Politica “Pedro Arrupe” – Centro Studi Sociali di Palermo, la Caritas diocesana, l’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Palermo e il “Centro Studi – Opera don Calabria” di Termini Imerese, con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Termini Imerese.

L’Informa Caritas “Se ognuno fa qualcosa”, a dicembre, ha già dedicato alcune pagine alle vicende Fiat con una lettera di solidarietà alla cittadinanza di Termini Imerese scritta dai promotori del Laboratorio welfare e lavoro, frutto di un primo seminario tenutosi il 12 maggio 2011 a Palermo.

L’evento vuole, in qualche modo, contribuire a promuovere ogni positivo confronto sulle opportunità per il futuro di Termini Imerese, per offrire eventuali nuovi ed alternativi modelli di sviluppo e testimonianze concrete di buone prassi (locali ed estere), a partire dalle proprie risorse in un quadro di politiche pubbliche partecipative.

Anche se le vicende Fiat sembrano chiuse, restano aperte le difficoltà di tante famiglie, le speranze delle nuove generazioni, le prospettive di un territorio che, al di là della fabbrica, ha tanto altro da offrire. Il sindaco Totò Burrafato ha dichiarato: “aspettando la valutazione di merito da parte di Invitalia che, per legge, dovrà certificare che il progetto di deindustrializzazione proposto dalla casa automobilistica molisana sia finanziariamente sostenibile, abbiamo accolto questa qualificata opportunità di riflessione che vuole promuovere la consapevolezza tra la nostra gente che essere protagonisti dello sviluppo è la chiave per ridisegnare dal basso un futuro più simile a noi, secondo modelli e politiche pubbliche che, strategicamente e creativamente, si confrontino con altre esperienze positive”.

Nel corso del seminario, si darà spazio all’esperienza di Bilbao (Spagna) e della Fondazione Comunità di Messina e si darà voce ai partecipanti nei gruppi di lavoro: “Sviluppo imprenditoriale e opportunità del Piano Strategico”; “Politiche di inclusione sociale e percorsi di accompagnamento alle famiglie in difficoltà”; “Risorse umane e culturali presenti sul territorio: come farle diventare opportunità produttive”; “Idee e proposte creative delle nuove generazioni per il futuro di Termini Imerese”.

Sono state coinvolte anche le scuole superiori di Termini Imerese. Nella mattinata del 24, parteciperanno all’incontro le ultime classi del Liceo Classico “G. Ugdulena”, del Liceo Scientifico “Nicolò Palmeri” e dell’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Stenio”. Una loro rappresentanza parteciperà ai lavori del seminario nel pomeriggio.

Il sindaco Totò Burrafato ha dichiarato: “Aspettando la valutazione di merito da parte di Invitalia che, per legge, dovrà certificare che il progetto di reindustrializzazione proposto dalla casa automobilistica molisana sia finanziariamente sostenibile, abbiamo accolto questa qualificata opportunità di riflessione che vuole promuovere la consapevolezza tra la nostra gente che essere protagonisti dello sviluppo è la chiave per ridisegnare dal basso un futuro più simile a noi, secondo modelli e politiche pubbliche che, strategicamente e creativamente, si confrontino con altre esperienze positive”.

RISORSE

FacebookGoogle+LinkedInBlogger PostGoogle GmailDiggInstapaperOknotizieWordPressCondividi